Barbecue e Tradizione Napoletana, al Campania Mia con Venerando Valastro è festa di polpette e pizze fritte

puokemed campania mia barbecue e tradizione napoletana 47

Formula vincente non si cambia! altro successone da Campania Mia in una serata piena di sorprese e novità. In via Belvedere è sempre una festa…di sapori. Di profumi. Di umori. Venire da Ciro Arenella è un po’ come andare al San Carlo del cibo. Stasera va in scena “BBQ (barbecue) e Tradizione” atto unico. Si apre il sipario. Scenografia suggestiva, quasi d’altri tempi. Sullo sfondo uno smoker con la canna fumante. Quasi fosse un treno a vapore. Accanto, un pentolone pieno di olio rovente. Rimani subito colpito dai due protagonisti. Venerando Valastro, tenuta nera e forchettone alla mano. Il bulldozer della griglia. Francesco Martucci, maglia teschiata, bandana nera. “Willy l’orbo” della pizza fritta. I due hanno stazza imponente, sguardo cattivo. Parlano tra di loro. Si organizzano. Collaborano. Valastro ha preparato il pulled pork (spalla di maiale cotta ed affumicata al barbecue a bassa temperatura) che assieme alla papaccella riccia presidio Slow Food, fa da farcia ai ripieni fritti di Martucci. Gioco di consistenze e di sapori orgasmatico. La papaccella in purezza, croccante, sapore intenso, fornisce la giusta masticazione al maiale tenero, consumato, dall’affumicatura dolce e prelibata, entrambi custoditi in una caverna di pasta di pane fritta, maturata 30 ore a temperatura ambiente. Leggera, idratatissima, sottile, scioglievole al palato…balsamo per tutti noi. I due colossi si dedicano ora a preparazioni individuali. Due animali da palcoscenico. Martucci prepara il secondo ripieno: piennolo, burrata e lardo di nero casertano…Grande Giove! difficile trovare tanto equilibrio con questi ingredienti eppure il Gigante di Caserta ci è riuscito. Lardo e burrata ingrassano il palato, l’acidità del piennolo fa il resto. Ottima la salivazione con il palato che ti implora: “dammene un altro po’, dammene un altro po'”. Venerando rincara la dose. Apre lo smoker. Salsicce. Salsicce affumicate. E che sasicce!! al gorgonzola e pera, affumicate con legno di melo. Sapore particolarissimo, intenso, lo “zola” piccantuccio viene smorzato dall’ottima affumicatura dolce e saporita: ma non è tutto! Valastro tira fuori un pignatone di Polpette al ragù…OMG (oh my God)! ragù di pomodori Miracolo di San Gennaro e lardo di Paolo Parisi fatto pappuliare 7 ore, con le polpette sapientemente affumicate nello smoker con legno Hickory…addenti la polpetta e arrivi al Nirvana…l’affumicatura la fa da padrona, si percepiscono note di amarena, di noce, di nocciola. Il ragù ti prende per mano e ti accompagna in questo viaggio sensoriale sola andata assieme all’ottimo vino rosso di “Casa di Baal” e alla birra 32 di “Via dei Birrai”. Colpo di scena, da dietro le quinte spunta Sabatino Cillo che irrompe con il suo wurstel misto di nero casertano e marchigiana. Speziato. Leggermente piccante. Deciso. Il Butcher porta con sè anche dei cornettini grigliati ripieni di maionese e cotto Cillo, degli spiedini rustici con pancetta alla zingara, provolone e pane e bombette pugliesi come se piovesse. Chapeau Maestro Cillo!! il palcoscenico si arricchisce man mano di attori, ormai è un tripudio.  Dal nulla spunta Francesco Veneruso che inizia ad offrire tartare condita con battuto di olive e rosmarino in olio evo con crema di peperoni e peperoncino. C’è Rino Silvestro di Slow Food (la condotta di Napoli), c’è Casa Barone con i suoi pomodorini del piennolo, c’è Scaramurè con gelati preparati con Latte dell’appennino Campano e biscotti Galameo e poi…lui. Mr. 36 ore di lievitazione. Sua Eccellenza “Il babá” del Maestro Pasticciere Alfonso Pepe. In diverse varianti. All’arancia, al mandarino, alla mela annurca. Originalissima la presentazione, barattolo di vetro chiuso ermeticamente. All’apertura se ne apprezza il profumo intenso di Rum e vaniglia bourbon. Ogni boccone è una festa. Menzione particolare al dott. Furia Luciano, presente alla serata per l’Accademia Toffini, che ha portato in assaggio un suo esperimento di cucina molecolare, una cialdina ai friarielli! Complimenti Luciano, esercitati che noi siamo sempre pronti all’assaggio. Il Cast ormai completo è stellare. Il pubblico entusiasta apprezza ed applaude. Si chiude il sipario. Campania Mia è il top!

Gastronomia CAMPANIA MIA
Via Belvedere, 112
Napoli (NA)

Alla prossima, se ti è piaciuta questa nuova avventura scopri tutto il mondo #puokemed su:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/puokemed
INSTAGRAM: http://instagram.com/puokemed/
BLOG: https://leavventureculinariedipuokemed.wordpress.com/

422014_3488972661093_1216257237_n

Giovanni Mele

Testo e Foto sono proprietà di “Le avventure culinarie di Puok e Med”.
Copyright © 2015. Tutti i diritti riservati.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: