Canzoni e pizze a libretto: Tommaso Esposito presenta “A PIZZA”

22 (2)

“P’otte solde sulamente
se po’ ffà ‘e quatto manere,
pe’ ‘na mamma è ‘nu paciere,
quanno ‘a sparte fa accussì:
‘a nennella cu ‘a pummarola,
‘o nennillo cu ‘o ciceniello,
‘o cchiú gruosso cu ‘o fungetiello,
ll’ atu riesto ss’ ‘o vvede mammà.”

“St’otte righe sulamente”, basterebbero per descrivere Tommaso Esposito e il suo amore per la pizza. Manco a dirlo, il suo libro “A PIZZA, viaggio nella canzone napoletana”, è dedicato a’ mammà, Chicchina, che ogni onomastico ce’ faceva a’ pizza. E se non bastasse conoscerlo di persona “o’ duttore”, questo amore sfrenato lo ha verbalizzato, cantato, e ce lo ha presentato. Qualche giorno fa, a Pomigliano, La Distilleria, Feltrinelli Point. E se di solito son restio agli eventi, pe’ Tommaso ho fatto le corse, perché – lo ripeterò a vita – è il mio preferito, dalla penna sempre colorata, dolce, romantica e ‘chiena ‘e cultura. E mi sa mi sa che non sono l’unico a subirne il fascino, alla presentazione del suo libro ce’ stev’ nu bagno e gente. Il piccolo teatrino pieno fino a fuori, qualche sedia aggiunta e il resto tutti in piedi, ‘a sentì a Tommaso e tutto il cast del suo bel libro: Floriana D’Andrea a’ intonà quelle “otto righe”, Enzo Stirletti a suonarle, il pulcinella Antonio Clemente a recitarle e a ricreare l’atmosfera della Napoli popolare, quella dei quartieri, dei vasci e degli antichi pizzaiuoli. Quelli che urlavano perle del tipo “Veniteeee, cà se’ magna e nun’ sé paveeeee!”. Oggi ben interpretati da Salvatore Santucci (Pizzeria “Totò Sapori” – Quarto), il magnifico pizzaiuolo chiamato per rendere fantastica una serata già piacevole. Un forno montato in cortile, 650 panetti e carta ‘pe pizze. A libretto. Impossibile non mettersi in fila. ‘A pizza ‘e Salvatore è andata a ruba. Quattro-cinque ore consecutive: ammacca, cuoncia, inforna e sforna, piega, aiutato da uno squadrone da èlite: il giovanissimo figlio Enrico, straordinario tuttofare, e stavolta in veste di fornaio il pizzaiolo acerrano Vincenzo Di Fiore (Pizzeria “Bella Napoli” – Acerra). Margherite, marinare, classiche o ‘co piennolo. Che bontà, me ne so magnat’ quattro, tutti i gusti, a poco a’ vota, mentre Vincenzo me le contava e il piccolo Enrico me le incartava tutto contento. E io più contento di lui, con quell’impasto sofficissimo, quella stesura verace e quei profumi dritti dritti sotto al naso. Che grande che sei, Salvatò! E A TE TOMMASO, che te ferato ‘e crià. Cu’ doje canzone e ‘na pizzella, cè fatt’ arrigrià ♥

Alla prossima, se ti è piaciuta questa nuova avventura scopri tutto il mondo #puokemed su:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/puokemed
INSTAGRAM: http://instagram.com/puokemed/
BLOG: https://leavventureculinariedipuokemed.wordpress.com/

Image

Egidio Cerrone

Testo e Foto sono proprietà di “Le avventure culinarie di Puok e Med”.
Copyright © 2014. Tutti i diritti riservati.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: