Lo Street Food Day di Ciro Arenella e Paolo Parisi vince di nuovo al Campania Mia

puokemed campania mia street food day paolo parisi 17

Campania Mia, via Belvedere. Napoli. Arrivi. Ti guardi attorno incredulo. Bancarielli allestiti e facce familiari. Si attivano immediatamente tutti e 5 i sensi. Ti dirigi dal padrone di casa, Ciro Arenella, in cerca del primo contatto. Ti riconosce. Ti stringe la mano, ti abbraccia come se ti conoscesse da tempo, ti fa sentire a casa. Ti giri e ti si illuminano gli occhi vedendo Ciro Coccia misurare la temperatura dell’olio mentre il suo staff prepara la farcia (ricotta lavorata, fior di latte e salumi di cinta senese) dei calzoncelli fritti; salivazione attivata, ti dirigi da Fabiana Scarica e le rubi immediatamente una bruschetta accuratamente farcita con presidi Slow Food (la condotta di Napoli tra i collaboratori della serata) e salumi di cinta senese; il naso vibra, sente profumo di pascoli d’altura, di aria buona. Le papille olfattive ti portano da Scaramurè, dai suoi buccaccielli ripieni di fuscella da latte dell’Appennino Campano, marmellata di fichi e crumble di biscottini. Ti spingono poi più avanti da Roberta Rubino ed i suoi cremosi gelati alla pesca tabacchera e alla nocciola che si contendono la scena con la panna cotta al caramello salato di Giuseppe Natale e Valentina Trombetta. Ormai ci siamo. Manca l’ultimo… ed è così che senti una voce un po’ più distante. Un accento diverso. Di quegli accenti che ti riportano all’adolescenza del “Ciclone”, un toscanaccio “verace”, occhiali, cappellino e tutta barba. Lo scruti, è lui o non è lui? Il re della griglia, dell’uovo assoluto, Paolo Parisi. He’s back! Si sta organizzando a preparare il barbecue sul quale di lì a poco, in un’apposita padella in ferro, affumicherà delle splendide e succulente salsicce di cinta senese in pomodorini Miracolo di San Gennaro presidio Slow Food. La Toscana abbraccia la Campania-Mia. Quattro chiacchiere, due risate, ti accorgi che c’è tanta bella gente all’evento. Tutti sorridenti. Tutti felici. Si scherza e si ride assieme. Si brinda col Pallagrello rosso e bianco della cantina Alepa. C’è calore. Una festa. Belle novità all’evento e dei fuori programma che hanno arricchito il già corposo menù della serata: i “murzilli” (dicesi finger food) di tartare di chianina e la tagliata di Marchigiana con miele alla rosa canina di La Fattoria Veneruso, e su tutti, ancora lui, Paolo Parisi, che in un padellone basculante allestito in pochi minuti ti regala una pasta risottata al ragù di salsiccia di cinta senese allevata allo stato brado. Parmigiano come se piovesse. Profumo intenso. Sentori di aglio e Chianti. Goduria del palato. Non finisce qui. Parisi fomentato dal calore dei partecipanti mette su altra pasta. Champagne! Vermicelli alla parmigiana di melanzane di un altro Parisi – Pietro – chef di Era Ora a Palma Campania…e che v’ò dic a’ ffa! Ciro “Campania Mia” ed i Parisi tenen e qualità!

E infine non poteva mancare l’omaggio a noi di #Puokemed: ma quali calzoncelliiii, Ciro Coccia il ripieno ce lo ha fatto formato famiglia!

Gastronomia CAMPANIA MIA
Via Belvedere, 112
Napoli (NA)

Alla prossima, se ti è piaciuta questa nuova avventura scopri tutto il mondo #puokemed su:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/puokemed
INSTAGRAM: http://instagram.com/puokemed/
BLOG: https://leavventureculinariedipuokemed.wordpress.com/

422014_3488972661093_1216257237_n

Giovanni Mele

Testo e Foto sono proprietà di “Le avventure culinarie di Puok e Med”.
Copyright © 2015. Tutti i diritti riservati.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: