PUGLIA: un pò di Lecce e i fratelli Ortona di “Pizza&co”

994888_576525599056081_567425723_n

HEYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYY cari fan de Le avventure culinarie di Puok e Med, come vanno le vacanze? Io ieri sera son tornato dal Salento, terra bellissima ed emozionante, e domani riparto per quella che è diventata la mia Calabria! Come da programma il blog torna a settembre ma voglio approfittarne per salutare i proprietari di PIZZA&CO e consigliare a voi il loro piccolo angolo di saporipartenopei nel centro storico di Lecce! Girando per le stradine di quest’ultima ho provato un pò di tutto: il “rustico leccese” con pasta sfoglia, besciamella, pomodoro, sale e pepe, il “pizzo leccese”, panetto saporito con impasto fatto da farina, acqua, lievito, pomodorini, cipolle, olive nere, e peperoncino. Ho provato anche la famosissima “puccia” che però non è stata di mio gradimento, non ho sentito la tradizione, lo trovo un semplice panino farcito, spesso male con duecento verdure insieme. Ho avuto la netta sensazione che sia una trovata più per turisti che una tradizione per la gente del posto. E qui voglio raccontarvi un aneddoto. Mercoledì pomeriggio, ero nel Duomo di Lecce e spinto da curiosità popolare e leggera ironia blasfema, mi siedo dietro le vecchiette del paese in prima fila, a due minuti dall’inizio del rosario, e attacco con “Signore belle, siete del posto vero? Sapete consigliarmi dove mangiare una buonissima puccia?” Facce piene di dubbi e incapacità nel sapermi indicare un posto buono, quasi come se per loro fosse qualcosa di poco familiare. Sanno ovviamente cos’è ma non se la sentono di indicare un posto veramente buono (ad altri del posto, stessa domanda, stesse riposte, stesse sensazioni). E meno male che tra le tre vecchiette ce ne n’era una con la parlantina, che mi consiglia tanti posti caratteristici, finchè poco prima di essere letteralmente cazziata dalla più antipatica del trio che le ricorda con fare bigotto che il rosario sta iniziando, mi dice: “Ma sai una cosa? Qui vicino c’è una pizzeria che fa delle pizze buonissime, lo conoscono tutti in paese, si chiama Pizza&Co.” Potevo mai trascurare il consiglio di una vecchietta da rosario che mi fa capire che la puccia non è questa delizia e mi invita ad andare a mangiare un bel trancio di pizza? Il rosario inizia, continuo la passeggiata, provo la puccia, giriamo giriamo, si fanno le 11 di sera e finalmente ritorno dalle parti del Duomo, entro in questa piccola pizzeria e la serata si tinge subito di magico. I simpaticissimi fratelli Ortona, maglia del Napoli in bella vista e fare da veri signori, ci fanno sentire subito a casa. Profumi e colori, ci fanno provare delle deliziose pizze al forno elettrico, forse la migliore mangiata fin’ora con questo tipo di cottura (in particolare, a nastro). Solitamente le pizzerie al trancio/spicchio offrono quello che c’è al banco o al massimo quello che c’è in uscita. Loro no, quello che vuoi, dividendo la maxi pizza nei vari gusti richiesti. Su loro consiglio proviamo margherita con bufala, salsiccia e friarielli, margherita con scamorza, pancetta affumicata e pepe. Tutto fatto davanti a noi, con ingredienti di una qualità che non trovi in altre pizzerie a spicchio e forno elettrico. Chi è con me mi dice che la margherita con bufala è davvero buona, io vi racconto le mie due pizze: quella coi friarielli e salsiccia è davvero saporita, grazie anche alla conservazione dei due ingredienti sott’olio, le salsiccie in particolare crude, come se fossero leggermente marinate! Fantastica! ma ancora meglio quella con pancetta affumicata, scamorza e pepe: si scioglie letteralmente in bocca! E poi, credetemi, mangiarla sugli scalini di fronte, nel cuore della bellissima Lecce, con vista del Vesuvio di Warhol sulle mura del locale è una gioia! Ringrazio ancora Maurizio e Paolo per quella bellissima mezz’ora e per l’estrema attenzione e simpatia genuina, dato che solo alla fine ho parlato loro del mio blog Grandissimi, continuate così! Mi dispiace solo che io e Meri eravamo in vacanza e non avevamo la macchina fotografica adatta. Chissà un giorno tornerò, in sede di episodio oltre confini! Se vi trovate a Lecce, il chè è probabile dati i sempre più napoletani che visitano queste terre, andateci senza indugio e se anche per voi il tempo non è il vostro nemico dei giorni moderni, chiacchierate un pò coi proprietari, ne vale la pena! Ah, e abbinateci un gelato dalla Pasticceria/Gelateria NATALE, gestita da una signora gentilissima e davvero in gamba. Prima di scegliere i miei tre gusti me ne ha fatti provare ben cinque, e non ce n’era uno che non fosse fantastico! Rinnovo le mie buone vacanze, da domani sono in Calabria dove già so dove portare il mio stomaco! A settembre!

Alla prossima, se ti è piaciuta questa nuova avventura scopri tutto il mondo #puokemed su:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/puokemed
INSTAGRAM: http://instagram.com/puokemed/
BLOG: https://leavventureculinariedipuokemed.wordpress.com/

Image

Egidio Cerrone

Testo e Foto sono proprietà di “Le avventure culinarie di Puok e Med”.
Copyright © 2014. Tutti i diritti riservati.14

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: