Quando pizza e bollicine spaccano: Masanielli Bros & DUBL

17

Qualche settimana fa il “boss” (Egidio Cerrone n.d.r.) scriveva di lui entusiasta, come un bambino con le sue caramelle preferite, di quanto somigliasse ad uno stregone dalle mani grandi così quanto il suo cuore. Stavolta a parlarvene sono io. E questa è un’altra storia. Quella di una nuvola, soffice, voluminosa, tanto leggera da essere quasi impalpabile e di quello che noi comuni mortali conosciamo come “nettare degli dei”. Questa, signori, bambini, ragazzi, è la storia della nuvola di Francesco Martucci accompagnata dai nettari DUBL della cantina irpina Feudi di San Gregorio.

34

Caserta. Ottobre 2015. Al mio arrivo il locale è già pieno. È serata di sold-out a I Masanielli. Facce nuove, sorridenti e tanti ragazzi comm a me. Giusto il tempo di sistemarmi al tavolo che il gigante buono assieme a Francesca Oliveiro, responsabile della linea DUBL, ci introduce a quella che sarà una delle serate più belle alle quali abbia mai partecipato. Una serata leggera, verace, viva, passionale, all’insegna dell’enogastronomia territoriale di qualità elevatissima. Pizze Top, impasto idratatissimo e topping utilizzati frutto di una ricerca sul territorio continua ed estenuante in abbinamento a vini da uve della tradizione campana trattati col Metodo Classico. “Si”, direte voi, “amma capit, e quindi?” Eeee quindi, e quindi bando alle ciance. Basta chiacchiere. Passamm ai fatti. Martucci al tavolo di marmo ammacca a ripetizione come se non ci fosse un domani, in questa occasione speciale aiutato al banco dal fratellino e compagno di pizze da sempre: Sasà Martucci, che oggi lavora al vecchio Masanielli, dove ha iniziato Francesco prima di spostarsi nella dimora attuale. E’ Masanielli Bros. Dalle loro manone iniziano a prendere vita soffici nuvole di margherita con bufala e marinara. Le prime pizze sfornate. Ai tavoli nel frattempo i flute si riempiono di Dubl Brut, una falanghina in purezza spumantizzata. Fai appena un boccone e la nuvola ti trasporta nell’Olimpo dagli dei. L’abbinamento è etereo! la pasta si liquefa al palato ed il nettare di falanghina accompagna dolcemente l’acidità del S.Marzano Dop. Che bello, sto bene, sto appaciato. Lassatem ccà! Si cambia registro immediatamente. Cambia la pizza, cambia il flute, cambia il vino. A tavola giunge la “Nero di Corbara” ed il Dubl adesso è Rosè. Una Pizza dai sapori forti e decisi. Su tutti prevale la salsiccia di nero casertano che viene smorzata dall’aglianico rosè, persistente ed equilibrato al palato. Bell bell, dico bell verament! La trilogia (sono 4 in realtà) di pizze si chiude col botto finale. Alla pizza “Spilinga” viene affiancato il Dubl +, greco al 100% spumantizzato. La nuvola stavolta è condita con zucca grigliata bio, burrata di bufala e nduja di Spilinga. E che v’ho dic a fa!! La zucca compatta e dolce regala una consistenza assurda ad una pasta scioglievole e delicata, la burrata in cottura assume un leggerissimo sentore di nocciola tostata, la nduja di Spilinga sale sul ring, neutralizza la zucca e ti manda in pappa il cervello. Booooom!  Il palato esplode, e non per la piccantezza della nduja, ma per il mix di sapori unici e contrastanti. Che fare, che fare, che fare? C’è il greco e non c’è nulla di meglio! Il colore oro brillante, al naso un profumo di crosta di pane, alla bocca grande acidità, ma morbido e persistente. Ci sta bene. Ci sta dannatamente bene. Fai un sorso. Fai anche il successivo. Che pizz! Che vin! Mammà!! Ma Martucci non è pago, non è stanco, vuole continuare ad ammaccare. Ha deciso. Ci delizia con la “Campania Mia”. Nuvola ripiena di ricotta zuccherata ed una melassa di fichi bianchi Santomiele, fritta e ripassata nello zucchero semolato. Vabbuò, Francè, e dillo che ci vuoi portare al Nirvana! E così è stato! Che bella serata. Che belle sensazioni. Emozioni forti e nitide. Questa è la dimostrazione di quanto una Pizza ed un Vino eccellenti possano farti provare emozioni “da piatto stellato”. Sempre imho!

Ps: è normale che a fine serata dopo tt stu poco, va a fernì a pizzata tutti assieme! ❤

Pps: a me a zucca nun me piace, nun me piace e nun me piace (l’unico alimento che non mangio), però l’ho mangiata stavolta… ed è tropp bon quella pizza!!

Ps: è normale che a fine serata dopo tt stu poco, va a fernì a pizzata tutti assieme! ❤

Pps: a me a zucca nun me piace, nun me piace e nun me piace (l’unico alimento che non mangio), però l’ho mangiata stavolta… ed è tropp bon quella pizza!!

Alla prossima, se ti è piaciuta questa nuova avventura scopri tutto il mondo #puokemed su:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/puokemed
INSTAGRAM: http://instagram.com/puokemed/
BLOG: https://leavventureculinariedipuokemed.wordpress.com/

422014_3488972661093_1216257237_n

Giovanni Mele

Testo e Foto sono proprietà di “Le avventure culinarie di Puok e Med”.
Copyright © 2015. Tutti i diritti riservati.

%d bloggers like this: