Una BEFANA street food porn: la calza come non l’avete mai vista

20131224094140334000

Non ho mai avuto un rapporto particolarmente buono con la Befana. Penso di aver avuto un buon rapporto con lei solo nei primi anni di fidanzamento con la mia ragazza, quando la giovane incosciente mi regalava cazètte bestiali, forse conscia del mio triste passato, o perchè semplicemente a casa sua la befana si fa a soddisfazione. Tutto è partito da una semisevera educazione cattolica. Per mia mamma non esisteva la befana, esistevano i Re Magi. E ogni anno, la sera prima dell’epifania si andava in chiesa, ma non una chiesa bella e dispersiva dalla quale puoi scappare, un bunker dopo si riunivano i catecumenali ed eri circondato da altre cinquanta mamme fissate coi Re Magi. La cerimonia si svolgeva così: una specie di Messa, le solite canzoni allegre del cammino catecumenale che devo dire la verità spaccavano e hanno formato dei piccoli Jimi Hendrix di quartiere, e poi a un certo punto venivano loro. I Re Magi. Creavano anche la suspance, che tipo venivano da lontano e stavano per arrivare, che c’era traffico, che non trovavano le strisce per parcheggiare i cammelli. Ricordo ancora la prima volta. La mia educazione cattolica mi aveva regalato storie magnifiche su Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, la pubblicità della Sperlari Zanzibar me li aveva fatti immaginare così checazzi, soprattutto quello di colore. Non aspettavo altro che lui. E invece quando arrivavano, che pacco, amici di mamma e papà maltruccati, dei pessimi attori. Per di più la combo micidiale, in quel periodo mio padre lavorava per una ditta che alla befana regalava un pensierino ai figli dei dipendenti. Ogni anno papà sapeva già il regalo che avrei ricevuto verso il 31 dicembre a casa mia partiva una vera a propria campagna di comunicazione atta a farmi desiderare quella cosa. Ci fu un anno, e chi se lo scorda più, a casa mia è storia, mia mamma ride ancora solo a pensarci. Il regalo dell’anno della ditta di mio padre era un orologio. E io volevo la Play Station 1. Eh. Non potete immaginare l’imbarazzo e la voce da film neorealista quando, alla grande cerimonia dei Re Magi nel bunker dei catecumenali dovetti leggere una sentita ed emozionante lettera in cui argomentavo la mia voglia di ricevere un orologio, per ricevere dai Re Magi un “ohhhh, che bellooo, vedremo cosa possiamo fare”. Ironia vuole, che quell’anno, durante una passeggiata in famiglia al Maschio Angioino, mi fermò la televisione. COSA VUOI PER LA BEFANA? Guardai a mamma, poi a papà, immaginai tra le mie mani un joystick della Play Station, guardai l’intervistatore e mi uscì soltanto una voce a Topolino: “U….u…un orologio, signore”.

E se mia mamma per un periodo ha ceduto e mi ha fatto la cazètta per qualche anno, ora è finita, “siamo grandi”. La mia ragazza non me la fa più, “siamo chiatti”. Ho fatto allora preparare per voi delle calze speciali, da condividere coi vostri amici, grazie alla collaborazione di Blackburger per la cazètta panino, Gaetano Genovesi Solopizza per la cazètta pizza e Stefano Chello di Entropia Creativa per il fotomontaggio della cazètta Street Food Napoli. Enjoy e buoni Re Magi pure a voi.

961423_10205812172452941_2078238003_n

961423_10205812172452941_2078238003_n2

961423_10205812172452941_2078238003_n3

Alla prossima, se ti è piaciuta questa nuova avventura scopri tutto il mondo #puokemed su:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/puokemed
INSTAGRAM: http://instagram.com/puokemed/
BLOG: https://leavventureculinariedipuokemed.wordpress.com/

Image

Egidio Cerrone

Testo e Foto sono proprietà di “Le avventure culinarie di Puok e Med”.
Copyright © 2015. Tutti i diritti riservati.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: